Il mito del Colesterolo

colesterolo_arteria

Sembra che i range di colestero che garantivano un abbassamento del rischio di malattie cardiovascolari non siano supportati da sufficienti dati scientifici.

Infatti,  le nuove Linee Guida Americane [ACC/AHA Guidelines] sul management delle dislipidemie mettono in discussione il target di colesterolemia LDL che ha ispirato le linee di trattamento delle dislipidemie e le relative politiche regolatorie poste in essere negli ultimi anni.

“La nuova linea guida si basa sulle evidenze della migliore qualità scientifica per concentrare il trattamento dell’ipercolesterolemia su coloro che possono beneficiarne di più” ha detto Neil J. Stone, della Northwestern University e presidente del gruppo di esperti che ha scritto il documento, il quale “si discosta dai precedenti perché non si concentra su specifici target di colesterolo LDL, anche se la definizione di livello ottimale di LDL è rimasta invariata. Invece, si focalizza sulla definizione dei gruppi per cui la riduzione dell’LDL si è dimostrata più vantaggiosa”.
Il nuovo approccio proposto ha ricevuto nel complesso un’accoglienza molto positiva da parte di molti degli opinion leader degli States.

Uno su tutti, Steven Nissen, della Cleveland Clinic di Cleveland ha detto che le ultime linee guida rappresentano un cambiamento radicale rispetto a quelle dell’ATP III e si è detto d’accordo con il concetto di abbandonare i tradizionali target di colesterolo. Motivo: “quei goal, cioè livelli colesterolo inferiori a 70 0 100 mg/dl, non erano in realtà basati su nessun tipo di studio scientifico accurato” ha detto l’esperto.
Emerge inoltre, sempre più chiaramente, che l’efficacia delle statine, i farmaci più usati per abbassare il colesterolo, non dipende direttamente dall’azione sul colesterolo, tanto che solo il 50% dell’ efficacia delle statine può essere attribuita alle variazioni di colesterolemia LDL.

Pertanto le politiche regolatorie, finalizzate al raggiungimento mandatario dei target di LDL colesterolo mediante uso di farmaci ipolipemizzanti o mediante combinazioni di farmaci, viene messo in discussione dagli esperti che hanno formulato le recenti Linee Guida sopraccitate.

“Per anni l’attenzione si è concentrata sulla riduzione del colesterolo LDL”  ha detto ancora Stone.  “Le nostre linee guida non vanno in un’altra direzione, ma pongono l’attenzione sul fatto che il modo con cui si raggiunge quest’obiettivo è importante. Considerando tutti i trattamenti possibili, si consiglia uno stile di vita salutare per il cuore abbinato alla terapia con statine come strategia migliore per ridurre il rischio a 10 anni di infarto o ictus”.  Lo scopo è aumentare il numero di persone in grado di beneficiare delle statine messe in terapia con questi farmaci e ridurre il numero di quelli trattati ingiustamente con questi agenti, perché non in grado di beneficiarne.

La decisione terapeutica deve essere guidata da una attenta valutazione personalizzata, fondata su una valutazione globale del rischio cardiovascolare individuale, stimato con strumenti basati sui dati della popolazione italiana e non più finalizzata al raggiungimento delle soglie di LDL.
Per quanto riguarda la gestione dello stile di vita e del sovrappeso le relative linee guida confermano confermano di seguire uno stile di vita sano e buone abitudini alimentari.

Queste sono le spiegazioni di un cardiologo statunitense, Dr. Dwight Lundell,  che ha fatto un attenta riflessione su questo cambio di rotta.

Noi medici con tutta la nostra esperienza, conoscenza e autorità spesso acquistiamo un ego piuttosto grande che tende a renderci difficile accettare che abbiamo torto. Così, eccoci qui. Ho apertamente ammesso di essermi sbagliato. Come cardiochirurgo con 25 anni di esperienza, avendo fatto più di 5.000 interventi chirurgici a cuore aperto, oggi è il mio giorno per riparare il torto con la prova medica e scientifica.
Mi sono allenato per molti anni con altri medici di spicco etichettati “opinion makers”.  Bombardato con la letteratura scientifica, frequentando continuamente seminari di formazione, noi opinion makers abbiamo sostenuto che le malattie cardiache sono causate dal solo fatto di elevato colesterolo nel sangue.
L’unica terapia accettata era prescrivere farmaci per abbassare il colesterolo e una dieta che limita fortemente l’assunzione di grassi. naturalmente, abbiamo insistito che quest’ultima avrebbe abbassate il colesterolo e le malattie cardiache. Deviazioni da queste raccomandazioni sono state considerate eresia e che potevano  molto probabilmente portare a malcostumi.

Non sta funzionando

Queste raccomandazioni non sono scientificamente o moralmente difendibile. La scoperta alcuni anni fa che l’infiammazione nella parete arteriosa è la vera causa della malattia cardiaca sta lentamente portando ad un cambiamento di paradigma nel modo in cui verranno trattati malattie cardiache e altre malattie croniche.

Queste raccomandazioni non sono scientificamente o moralmente difendibile . La scoperta di alcuni anni fa che l’infiammazione nella parete arteriosa è la vera causa della malattie cardiache sta lentamente portando ad un cambiamento di paradigma nel modo in cui verranno trattate le malattie cardiache e altre malattie croniche .
Le raccomandazioni dietetiche a lungo consolidate hanno creato le epidemie di obesità e diabete , le cui conseguenze fanno apparire più piccole le piaghe storiche in termini di mortalità , sofferenza umana e conseguenze economiche disastrose.
Nonostante il fatto che il 25 % della popolazione assume le statine, farmaci costosi, e nonostante il fatto che abbiamo ridotto il contenuto di grassi delle nostre diete , più americani moriranno quest’ anno di malattie cardiache rispetto al passato .
Le statistiche della American Heart Association mostrano che 75 milioni di americani attualmente soffrono di malattie cardiache , 20 milioni hanno il diabete e 57 milioni hanno un pre-diabete . Questi disturbi colpiscono persone sempre più giovani in numero maggiore ogni anno.
Detto in parole povere , se non è presente nel corpo infiammazione , non c’è modo che il colesterolo si accumuli nella parete del vaso sanguigno e causi malattie cardiache e ictus . Senza l’infiammazione, il colesterolo potrebbe muoversi liberamente in tutto il corpo come natura vuole . E’ l’ infiammazione che provoca l’accumulo di colesterolo.
L’infiammazione non è pericolosa di per sè – si tratta semplicemente di un meccanismo naturale di difesa del corpo contro un agente esterno, come un batterio , tossina o un virus .  Il ciclo di infiammazione è perfetto in quanto protegge il corpo da questi invasori batterici e virali . Tuttavia, il corpo umano non è stato concepito per elaborare una esposizione cronica al danno di tossine o alimenti, e si verifica una condizione chiamata infiammazione cronica . L’infiammazione cronica è altrettanto dannoso quanto è benefica l’ infiammazione acuta.

Quale persona premurosa vorrebbe volontariamente esporsi ripetutamente ad alimenti o altre sostanze che sono noti causare lesioni al corpo? Beh, forse i fumatori, ma almeno hanno fatto questa scelta volontariamente.
Il resto di noi hanno semplicemente seguito la dieta tradizionale raccomandata che è a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di grassi polinsaturi e carboidrati, non sapendo che stavamo causando lesioni ripetute ai nostri vasi sanguigni. Questa lesione ripetuta crea infiammazione cronica che porta a malattie cardiache, ictus, diabete e obesità.

Lasciatemelo ripetere: il danno e l’ infiammazione nei nostri vasi sanguigni è causata dalla dieta a basso contenuto di grassi raccomandata per anni dalla medicina tradizionale.
Quali sono i maggiori colpevoli di infiammazione cronica? Molto semplicemente, sono il sovraccarico di carboidrati semplici altamente raffinati (zucchero, farina raffinata e tutti i prodotti derivati) e il consumo eccessivo di omega-6 oli vegetali come soia, mais e girasole, che si trova in molti alimenti trasformati.

Prendetevi un momento per visualizzare uno sfregamento con spazzola rigida ripetutamente sulla pelle morbida fino a che diventa tutto rosso e quasi sanguinante. Continuare questo più volte al giorno, ogni giorno per cinque anni. Se si potesse tollerare questa dolorosa spazzolatura, ne deriverebbe un sanguinamento, una zona infetta gonfia che si è aggravata con ogni offesa ripetuta. Questo è un buon modo per visualizzare il processo infiammatorio che potrebbe stare accadendo nel vostro corpo in questo momento.

Indipendentemente da dove avviene il processo infiammatorio, esternamente o internamente, è lo stesso. Ho sbirciato dentro migliaia e migliaia di arterie. Una arteria malata sembra come se qualcuno abbia preso una spazzola e strofinato ripetutamente contro la parete. Più volte al giorno, ogni giorno, i cibi che mangiamo creano piccole ferite che si sommano in più infortuni, stimolando l’organismo a reagire in modo continuo e in modo appropriato con l’infiammazione.

Mentre assaporiamo il gusto stuzzicante di un dolce, i nostri corpi rispondono in modo allarmante, come se un invasore straniero arrivasse dichiarando guerra. Gli alimenti carichi di zuccheri e carboidrati semplici o preparati con oli ricchi in omega-6 per lunga tempo sono stati il cardine della dieta americana per sei decenni. Questi alimenti hanno lentamente avvelenato tutti.

Come fa il mangiare un semplice dolce a creare una cascata di infiammazione a farti male?

Immaginate di versare lo sciroppo sulla vostra tastiera e si ha una visuale di ciò che accade all’interno della cellula. Quando consumiamo carboidrati semplici come lo zucchero, lo zucchero nel sangue aumenta rapidamente. In risposta, il pancreas secerne insulina il cui scopo principale è quello di guidare lo zucchero in ogni cella in cui viene immagazzinato  per conservare energia. Se la cellula è piena e non necessita di glucosio, esso è respinto per evitare che lo zucchero in eccesso renda il sistema inattivo.

Quando le cellule piene rifiutano il glucosio supplementare, lo zucchero nel sangue aumenta producendo più insulina e il glucosio si converte in grasso di deposito.
Cosa ha a che fare tutto questo con l’infiammazione? Lo zucchero nel sangue è controllato in un intervallo molto ristretto. Lo zucchero nel sangue è controllato in un intervallo molto ristretto. Le molecole di zucchero in eccesso attaccano una varietà di proteine ​​che a sua volta feriscono la parete del vaso sanguigno. Questa lesione ripetuta alla parete del vaso sanguigno scatena l’infiammazione. Quando si altera il livello di zuccheri nel sangue più volte al giorno, ogni giorno, è esattamente come portare della carta vetrata all’interno dei vasi sanguigni delicati.

 Mentre si può non essere in grado di vederlo, si è certi che è lì. L’ho visto in oltre 5.000 pazienti chirurgici nell’arco di 25 anni e che hanno tutti un comune denominatore l’ infiammazione nelle loro arterie.
Torniamo al dolce. Guardando questa innocente golosità  non contiene solo zuccheri, viene cotto in uno dei tanti oli ricchi in omega-6 ad esempio la soia. Patatine e patatine fritte sono immersi in olio di soia, prodotti alimentari trasformati sono realizzati con oli ricchi in omega-6 per la più lunga shelf life. Anche se gli omega-6 sono essenziali: sono parte di ogni membrana cellulare che controlla ciò che accade dentro e fuori la cellula – devono essere nel giusto equilibrio con omega-3.

Se l’equilibrio si sposta verso il consumo eccessivo di omega-6, la membrana cellulare produce sostanze chimiche chiamate citochine che direttamente causano infiammazione.
la dieta odierna  tradizionale americana ha prodotto uno squilibrio estremo di questi due grassi. Il rapporto di squilibrio varia da 15:01 ad un massimo di 30:1 a favore degli omega-6. Questo significa una enorme quantità di citochine che causano infiammazione. Nelle abitudini alimentari di oggi, sarebbe ottimale e sano un rapporto di 3:1.

A peggiorare le cose, l’eccesso di peso che si sta portando causato dal mangiare questi alimenti crea cellule di grasso sovraccariche che riversano grandi quantità di sostanze chimiche pro-infiammatorie che si aggiungono al danno causato da avere la glicemia alta. Il processo che ha avuto inizio con dolce si trasforma in un circolo vizioso che nel tempo porta a  malattie cardiache, pressione alta, diabete e, infine, al morbo di Alzheimer, in quanto il processo infiammatorio non accenna a diminuire.

Non può sfuggire il fatto che più consumiamo cibi pronti e trasformati, più accendiamo l’interruttore dell’infiammazione  a poco a poco ogni giorno. Il corpo umano non è in grado di elaborare, né è stato progettato per consumare, cibi ricchi di zuccheri e imbevuti di oli ricchi omega-6.

Non c’è che una risposta per calmare l’infiammazione, ed è di tornare agli alimenti più vicino al loro stato naturale. Per costruire il muscolo, mangiare più proteine​​. Scegliere i carboidrati complessi, come frutta e verdura colorate. Ridurre o eliminare i grassi omega-6 , soprattutto gli oli raffinati, causa dell’infiammazione, come l’ olio di soia e di mais e gli alimenti prodotti con questi oli.

Un cucchiaio di olio di mais contiene 7280 mg di omega-6; l’olio di soia ne contiene 6.940 mg. Al loro posto, usare olio di oliva o burro nutriti con erba manzo.

I grassi animali contengono meno del 20% di omega-6 e hanno molta meno probabilità di causare infiammazione di quello degli oli apparentemente sani etichettati polinsaturi. Dimenticate la “scienza” che è stato inculcato in testa per decenni. La scienza che solo i grassi saturi provocano malattie cardiovascolari è inesistente. La scienza che i grassi saturi aumentano il colesterolo nel sangue è anche molto debole. Dal momento che ora sappiamo che il colesterolo non è la causa delle malattie cardiache, la preoccupazione di grassi saturi oggi è ancora più assurda.

La teoria del colesterolo ha portato alle raccomandazioni senza-grassi o a basso contenuto di grassi, che a loro volta hanno creato gli stessi cibi che ora causando un’epidemia di infiammazione. Medicina tradizionale ha fatto un terribile errore quando  consigliava di evitare i grassi saturi a favore di cibi ricchi di grassi omega-6. Ora abbiamo una epidemia di infiammazione arteriosa che porta a malattie cardiache e altri assassini silenziosi.

Quello che si può fare è scegliere i cibi integrali che preparavano le nonne e non quelli   a cui la mamma si rivolge lungo i corridoi pieni di cibi lavorati nel negozio di alimentari. Eliminando gli alimenti infiammatori e con l’aggiunta di sostanze nutritive essenziali del cibo fresco non trasformato, potrete invertire anni di danni alle arterie e in tutto il corpo causati  dal consumo della tipica dieta americana.

Fonti:

http://www.tunedbody.com/heart-surgeon-declares-really-causes-heart-illness/?goback=%2Egde_4502320_member_5832473533556494339#%21

http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=18432

http://www.pharmastar.it/index.html?cat=19&id=12936

Pubblicato in articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Collaborazioni

Sperimentando